Giovanardi a Rai 3: professione bugiardo!

agosto 2, 2012
in Category: OVERGROW
Commenti disabilitati su Giovanardi a Rai 3: professione bugiardo! 538 0


(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)L?estenuante propaganda quotidiana che il DPA porta avanti contro la cannabis, ultimamente con ancora pi solerzia, ci porta ad una riflessione: questo dipartimento avrebbe ancora ragione di esistere se venisse abrogata la Legge Fini-Giovanardi?

A noi, e non solo a noi, sembra proprio che invece sia stato costruito attorno alla legge diventandone un elemento totalmente interdipendente: che si tratti di collusione ideologica?

E di collusione in collusione qualcuno, a ragione, afferma che il patto Stato-Mafia sia realmente avvenuto in tempi passati e alcuni sembrano anche aver compreso in cosa possa consistere, ma noi per queste cose non ci possiamo fare niente poich non abbiamo interressi da spartire n con lo Stato n con la mafia e quindi non abbiamo voce, ma invece ci capiamo, e pure tanto, quando parlano di argomenti che ben conosciamo e che riguardano la nostra vita e la nostra sicurezza e sui quali possiamo invece intervenire.

Quindi, quando Ingroia parla di collusione Stato-Mafia noi possiamo solo dire totalmente impotenti: ? da sempre stato cos …noi che ci possiamo fare? ?, ma quando parla del nesso che lega Mafia e droga allora s che possiamo dire e fare qualcosa: ?la cambiamo questa legge? ?.

Il Procuratore Generale di Palermo era tra gli ospiti, il 25 luglio scorso, nel programma di Rai3 ?Cominciamobene?:
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati) per chiarire alcune sue dichiarazioni, rilasciate di recente ai giornali, su un?eventuale liberalizzazione delle droghe leggere, in pieno accordo tra l?altro con quelle di Roberto Saviano, del prof. Umberto Veronesi (uno dei pi esperti oncologi italiani ed ex ministro della sanit) e del PG di Firenze, Beniamino Deidda.

Tema dell?ultima parte della puntata era infatti proprio la possibile liberalizzazione delle cosiddette droghe leggere, ossia della cannabis, e ci si domandava se fosse buonsenso, cio un modo efficace di contrastare la mafia, sottrarle una sostanziosa ?fetta di mercato? o se fosse invece pura follia da non prendere nemmeno in considerazione, come ostinatamente continuano a sostenere i proibizionisti di tutto il mondo con i nostri Giovanardi e Serpelloni in prima fila.

Ingroia ha riconfermato la sua posizione riguardo al fallimento di ogni tipo di proibizionismo ricordando quanto avvenuto con l?alcol negli Stati Uniti, la cui legalizzazione ha portato ad una diminuzione dei consumi, a campagne informative ed educative e ha eliminato il grande giro malavitoso che di quella proibizione viveva, la storia pu insegnarci molto a quanto pare e ci sono evidenze logiche e scientifiche che non possono essere trascurate, n tanto meno distorte.

Ingroia quel Procuratore Generale che dopo aver denunciato collusioni inequivocabili tra Stato e Mafia, ora sembra aver ?deciso? di lasciare il nostro Paese per andare a dare il suo prezioso contributo in Guatemala, e anche se ci sembrato serenamente rassegnato alla ?sua stessa? decisione, non possiamo che sperare che possa contribuire con la sua esperienza a risolvere i pesanti problemi in un Paese dove la lotta ai narcos e al traffico di droga sono un reale e gravissimo problema sociale, come da lui stesso affermato, e non di certo paragonabile alla guerra intentata dalla Fini-Giovanardi contro la nostra inesistente criminalit, costituita quasi totalmente da pacifici cittadini assurdamente rei di essere ?presunti spacciatori? di marijuana.

In trasmissione erano anche presenti, Silvio Garattini (farmacologo e fondatore dell?istituto di ricerca ?Mario Negri?, secondo il quale i consumatori di cannabis vedrebbero i semafori di colore diverso da quello segnalato (
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)), il sociologo Paolo De Nardis, lo scrittore Marco Buticchi e l?ormai mitico Senatore Carlo Giovanardi, il bastian contrario per eccellenza, che con le sue “autorevoli” ricerche riuscito persino ad affermare che i dati Onu che classificano l?Italia come il paese con la percentuale record del 14% di consumatori di cannabis, siano stati falsati e che in realt abbiamo avuto un calo ?sensibile? del consumo di droghe, dimostrato con le rivelazioni tossicologiche effettuate nelle acque reflue nostrane, un metodo di ricerca alquanto bislacco a nostro avviso!

Un paio sono stati gli interventi telefonici in disaccordo col Senatore, persone che hanno testimoniato la loro esperienza, malati e consumatori che sono costretti ad andare a comprare nelle piazze, dagli spacciatori, la cannabis che occorre loro per curarsi diventando anch?essi cos parte del gioco criminale e finanziatori forzati del sistema mafioso, perch, leggi regionali permettendo, persiste un?aria di inapplicabilita’ dovuta principalmente al terrorismo mediatico del DPA, agli altissimi costi da sostenere per l?accesso alle cure con la cannabis terapeutica, quindi al malgoverno ed infine anche alla Fini-Giovanardi.

L?immeritatamente ?onorevole? anche stavolta ha continuato a negare l?evidenza e a mentire affermando che la cannabis prescrivibile da un medico di base qualsiasi e acquistabile in qualunque farmacia, ma, ci chiediamo noi: “della complicata, costosa ed estenuante trafila da compiere per far arrivare il farmaco dall?Olanda ne sa qualcosa realmente il nostro Senatore? E degli ?avvertimenti? che lo stesso DPA invia all?ordine dei medici affinch siano ?parsimoniosi? con questo tipo di prescrizioni, ne al corrente? “

Giovanardi, con la solita faccia tosta che lo caratterizza, afferma inoltre che i semplici consumatori di sostanze stupefacenti in Italia non vengono arrestati, subendo solo sanzioni amministrative e che per loro prevista ‘semmai’ la riabilitazione presso le comunit di recupero. Vorremmo ricordargli che non solo fino a prima dell’entrata in vigore della Fini-Giovanardi i consumatori di cannabis non erano considerati tossicodipendenti mentre oggi invece lo sono, ma anche che prima o poi usciranno fuori i conflitti di interesse che la SUA legge ha generato, coinvolgendo gli interessi economici del suo fratello gemello Daniele che con le comunit di recupero ha sempre ?lavorato?.

E qui parliamo del ?migliore dei casi?, quello di essere mandato in comunit di recupero per “riabilitarsi” attraverso il lavoro gratuito e gli psicofarmaci, ma che dire del problema della galera inflitta per ?presupposto reato?? E della nuova criminalit creata dalla SUA legge, come si pronuncia Giovanardi? ?Nessun consumatore si trova in carcere?, proclama, nonostante che i dati forniti continuamente da molte associazioni dimostrino esattamente il contrario
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

Giovanardi oltre a fare il finto tonto sul problema delle migliaia di inutili arresti effettuati ogni anno e che devastano la vita quotidiana di intere famiglie, sembra proprio dimenticare anche gli eccessi degli effetti provocati della SUA legge, come le vittime degli omicidi di Stato e dei suicidi di chi, dopo aver fumato qualche spinello in compagnia di amici o dopo aver acquistato della cannabis per uso personale, stato accusato di spaccio e arrestato, e in preda allo sconforto e alla mortificazione si trovato a dover scegliere soluzioni estreme pur di evitare ulteriori umiliazioni per un crimine inesistente.

E tutto questo perch di fatto stata abolita la distinzione tra consumatore e spacciatore e si viene processati quasi sempre per ?patteggiamento? nel tentativo di vedersi attribuire condanne pi lievi vista la grave entit delle pene oggi previste (dai sei ai venti anni di reclusione) e se poi quei consumatori sono anche recidivi e si fossero gi imbattuti nelle maglie della legge, l’arresto assicurato, ed cos che la popolazione ‘criminale’ del nostro Senatore cresce di giorno in giorno!

Checch ne dicano il nostro solerte senatore e il suo compare capodipartimento, ormai tutti sanno che il consumo di cannabis non ha mai portato, non porta e non porter mai ad atteggiamenti criminali, se non quelli dell?eventuale acquisto che dipende forzatamente dal mercato nero proprio a causa di leggi proibizioniste come quella che porta il suo nome.

Quando non ha argomentazioni valide, in pratica sempre, Giovanardi preferisce alzare la voce e dirottare il discorso sulla solita frase ?le droghe fanno tutte male e son tutte un?unica cosa ..tranne l?alcool che, se usato con misura, fa anche bene alla salute, gli psicofarmaci dovutamente prescritti dai medici e i tabacchi?, (in quanto droga di Stato aggiungiamo noi), poi spesso si alza e punta la porta d?uscita.

E? stata una magra figura anche questa volta, a nostro avviso, quella fatta dal nostro Giovanardi davanti a sociologi e procuratori antimafia che, nell?incredulit espressa dai loro volti per le assurde affermazioni del senatore, non hanno potuto far altro che riconfermare quanto detto precedentemente e cio che la legalizzazione della cannabis darebbe un duro colpo alle mafie e non creerebbe i tanto temuti allarmi sociali paventati da lui e dalla sua creatura dipartimentale.

Ma anche l?esimio Garattini non che abbia eccelso in bella figura, rifugiandosi nelle solite argomentazioni, facendo il solito terrorismo psicologico sulla cannabis, riportando dati e ricerche discutibili, dicendo tutto e il contrario di tutto ed evadendo, tra l?altro, l?argomento stesso della puntata.

Sar che a noi chiaro che fare informazione ed educare non pu voler dire annotare sui pacchetti di sigarette ?il fumo fa male? o alzare i prezzi del tabacco per scoraggiarne l?uso, ?Sono diminuiti i fumatori di sigarette?, ha affermato Garattini, non rendendosi conto che la sua tesi va oltretutto a favore di chi sostiene la regolamentazione di ogni sostanza …ma ne e’ diminuita anche l’et media, gli facciamo notare, proprio per la mancanza di un?adeguata campagna informativa sui danni del fumo: (
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati))

Noi siamo convinti che la Fini-Giovanardi non dar mai alcuna sferzata alla criminalit e allo spaccio, poich non stata concepita per questo motivo e reagiamo con sgomento all’impotenza dello Stato di fronte a notizie come quella di alcuni camorristi che a Napoli hanno fatto ci che in fondo avrebbe dovuto fare uno Stato civile creando delle ?stanze del buco? per gli eroinomani: loro la vendono e sempre loro forniscono un posto dove consumarla indisturbati ?ma se poi muore qualcuno, ci chiediamo, la colpa della droga o piuttosto di chi gestiva l?attivit illecita vendendo sostanze di bassa qualit o altamente velenose, senza dare alcuna assistenza sanitaria a questi tossicodipendenti e avendo come complice l’assurda e forse voluta cecit istituzionale di fronte a questi fenomeni?

Noi ci chiediamo: cosa fa lo Stato per tenere lontani i propri giovani dalla vera criminalit organizzata? E cosa pensa di fare per evitare che le giovani generazioni, a causa della confusione provocata dalla Fini-Giovanardi fra droghe leggere e pesanti, possano usare sconsideratamente sostanze ben pi pericolose della cannabis? Come pu un rappresentante del governo, nel 2012, sostenere candidamente:?I danni che la cannabis provoca nell?organismo umano sono del tutto paragonabili a quelli dell?eroina e della cocaina, sono tutte droghe pesanti, letali e pericolose?!

Scorrendo i vari articoli riportati sul sito del DPA, notiamo con stupore che, mentre per la cannabis abbondano le notizie relative alla sua nocivit, non esiste una sola pagina che riporti i gravissimi danni provocati dall?uso di eroina …forse non e’ il caso? O forse non ce n? bisogno?

Signor Giovanardi ma lei non prova mai vergogna per le bugie che costretto a dire pur di difendere l?indifendibile?

Redazione ASCIA

Pubblicato anche su:
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)


(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

Segnala presso:

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

Via
(solo gli utenti registrati possono vedere il link, effettua il login o registrati)

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Contact Me popolare Social
 
Thank you! Your message has been submitted to us.
×
×
×