i resti canapa non devono finire in pattumiera

febbraio 12, 2014
in Category: ESTRAZIONE
Commenti disabilitati su i resti canapa non devono finire in pattumiera 2699 0
(punto di ebollizione o PE -11,7°C) e l’n-butano (PE -0,5°C). Fra questi 2 tipi d’ingredienti, ci sono diversi ingredienti a seconda del produttore. Per produrre olio miele, l’n-butano è quello che funziona meglio ed è anche quello che si troverà con maggiore probabilità sugli scaffali dei punti vendita. Estrae ed evapora meglio, grazie al punto di ebollizione più basso e lascia molto poco sapore, se non nullo, o residui nell’olio. Cercate l’etichet­ta impurità ‘quasi zero’ sul contenitore, che normalmente indica meno di 15 parti per milione (ppm) d’impurità. Gli unici marchi che consiglio di non utilizzare sono quelli prodotti aggiungendo fragranze o additivi al butano. Se non siete sicuri, utilizzate un metodo domestico per controllare le impu­rità a livello di butano, chiamato test dello specchio. Prendete uno specchio e spruzza­te una buona quantità di butano liquido su di esso. Aspettate poi 5-10 minuti affinché il butano evapori. Controllate in seguito lo specchio per vedere se è rimasto del residuo bianco (che potrebbe anche avere un determinato odore). Assicuratevi di non confondere la condensa con il residuo. La macchia deve rimanere dopo che il butano è evaporato e probabilmente avrà un determinato odore se è quello che diciamo. Per questa estrazione io ho comprato il butano raffinato 7x della marca ‘Dodo’, in confezione da 330 ml (187 g) e userò una confezione per una potatura da 12.

Materiale – Il fattore più importante nel fare un’estrazione è l’utilizzo di potatura o cime buone, fresche e non curate. La qualità del materiale è la variabile principale che i coltivatori devono affrontare in questo tipo di trattamento. Il butano toglierà l’odore anche dal materiale estratto dalla pianta, quindi la qualità dell’olio dipende dalla qualità del materiale che state utilizzando.


resti canapa 05Procedimento:
Per costruire il tubo di estra­zione avrete bisogno di un pezzo di PVC o un tubicino in metallo lungo 20-30 cm e largo almeno 2,50 cm e (2) tappini delle stesse dimensioni in larghezza. Nel mio caso ho utilizzato un pezzo lungo 30 cm di PVC 1 1/2 (sch 40) e (2) tappini 1 1/2. Ho scelto il PVC per il prezzo ridotto e perché lo si può acqui­stare anche in lunghezze più contenute. Si possono anche acquistare tubi di estrazione già pronti all’utilizzo, prodotti da vari marchi, ma sono così facili da costruire! Vale la pena provare, no? Dovete solo assicurarvi che sia abbastanza largo da tenere 28 grammi circa di potatura triturata. Praticate (1) un foro al centro esatto di una delle estremità, grande a sufficienza perché ci entri la punta del butano e praticate vari forellini più piccoli nell’altra estremità, sempre nella zona cen­trale, affinché il butano possa fuoriuscire. Ho deciso di praticare 7 forellini nel mio. Questa estremità può essere incollata permanen­temente utilizzando una resina epossidica per il materiale del tubo. L’altra estremità deve essere rimuovibile per poterla riem­pire di materiale di potatura. Aggiungete un imbottitura fatta con un filtro da caffè all’interno dell’estremità finale per trattenere il materiale libero prima che ricada nel pro­dotto finale estratto. Assicuratevi di lavare e risciacquare a fondo tutte queste parti prima dell’utilizzo, per evitare che sporcizia e altro materiale entrino nel vostro estratto. Una volta puliti, siete pronti per l’estrazione!

Mediante un macinacaffè o una macchi­na per tritare, macinate la potatura fino a ottenere una struttura omogenea e riem­pite il tubo di materiale di potatura (senza schiacciare troppo), sostituendo poi il tap­pino. Avrete bisogno di 2 piatti di vetro da posizionare sotto il tubo: uno per racco­gliere l’estratto di butano che cola e l’altro, più grande, di dimensioni adatte per essere posizionato all’interno del piatto di raccolta. Posizionate il tutto in stile ‘doppio boiler’, con il piatto più piccolo all’interno di quello più grande e aggiungete acqua calda in quello sul fondo per evitare che il butano coli per il congelamento. Quando fuoriesce, il butano ha una temperatura così bassa che congelerebbe il piatto al di sotto se non ci fosse acqua calda e aiuta il processo di evaporazione, accelerandolo. Se avete usato un tubo di metallo o di vetro per costruire il vostro tubo di estrazione, dovrete crea­re una struttura per tenerlo verticalmente quando uscirà, perché il metallo o il vetro saranno troppo freddi per poterli tenere in mano. Questa struttura può essere costruita con qualsiasi materiale a disposizione: pezzi di legno, ganci a 2 aperture, fil di ferro e nastro adesivo, come mi è capitato in passa­to. Incanalate la vostra energia da MacGyver e vedrete cosa riuscite a inventarvi! Ho usato la plastica per il tubo dell’olio miele per tenere il tutto in mano durante il processo. Un luogo all’aperto, con una

come trasformare la canapis in hashish come trasformare la potatura in hashis quanti micron per setaccio per fare hashish decarbossilazione thc velocizzare decarbossilazione thc tintura decarbossilazione cannabis
  • velocizzare fioritura autofiorenti
Contact Me popolare Social
 
Thank you! Your message has been submitted to us.
×
×
×